Contie e Leggende

Leggende della Val Soana
a cura di Gabriella Stefano con la collaborazione di : Riccarda Viglino Raimonda Bianco Levrin

baraino (satana)

baraino.JPG (11390 byte)

il contastorie
geraldinem.jpg (7292 byte)

Nei tempi passati, durante la stagione invernale, si trascorreva gran parte delle serate nelle stalle.
Le nonne, per intrattenere i nipotini,favoleggiavano di diavoli e di “mahque” . Facevano sognare (e forse sognavano esse stesse) miniere d’oro e tesori nascosti ma, nello stesso tempo, non dimenticavano la “morale” secondo cui i cattivi vengono sempre puniti dalla giustizia divina.
Le leggende che si propongono, affinché non abbiano a scomparire, sono un esempio delle “contie” della Val Soana,tramandate oralmente per decenni, ma non più ripetute ai giorni nostri

la mahca (la strega)mahca.JPG (34487 byte)

L’uomo dal codin e l’oro nascosto MAHCA1.jpg (10276 byte)
Giuseppe de Stefanis:tra leggenda
e realtà
“Ruga”
Il mago dell’Andorina e il bambino benedetto
La leggenda di Pratorotondo
L’oro di Canaussa
la leggenda dei “sempreverdi”
Il pianoro delle streghe
la leggenda di Truc
La fine di Fatinairi
Le leggende del Trasi (2)
La storia di Malandjin
La leggenda della Barma
Leggenda dei cani neri di Salza
Leggenda del bambino di Mombianco scimmmie.JPG (6244 byte)
La storia di Catleina *
La guglia del Frate
La bella e satanasso
L’oro di satanasso
La contessina di Tiglietto
La fata
Le streghe del Chiesale
La Tchesalina
La faia
Il diavolo ed il Santo
La pietra da minestra
La lampada del sarasin
La leggenda di Gian Pidocchietto
Cugnet

IL CALDERAIO L’ om de Boschet

LA MADRE Li maijna de Trasi

LA VECCHIA Lu chiapei d’la refiuria

LA VEDOVA Lu borj del taculin
Martin
Htoria dlo Piero